MSC CROCIERE DIVENTA LA PRIMA COMPAGNIA CROCIERISTICA AL MONDO A IMPATTO ZERO DI CO2

A partire dal 1° gennaio 2020, tutte le emissioni di CO2 della flotta verranno compensate da progetti di alta qualità basati l’utilizzo dei Blue Carbon Credits

A partire dal 1° gennaio 2020, tutte le emissioni di CO2 della flotta verranno compensate da progetti di alta qualità basati l’utilizzo dei Blue Carbon Credits

L'annuncio fa parte di un più ampio programma della compagnia a sostegno degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile dell’ONU e segue gli importanti investimenti finalizzati allo sviluppo continuo delle più avanzate tecnologie ambientali

 

Oggi MSC Crociere ha annunciato che, dal 1° gennaio 2020, sarà la prima compagnia crocieristica al mondo totalmente “carbon neutral”, ovvero a impatto zero di Co2. Questo importante traguardo è stato illustrato oggi in occasione delle celebrazioni in corso ad Amburgo (Germania) per l'entrata in servizio di MSC Grandiosa, la nuova ammiraglia della Compagnia e una delle navi più avanzate al mondo dal punto di vista ambientale.

Pierfrancesco Vago, Executive Chairman di MSC Cruises ha dichiarato: "Da quando abbiamo iniziato a costruire le nostre prime navi da crociera nel 2003, abbiamo sempre dedicato un’attenzione particolare all’innovazione e alla sostenibilità, arrivando a dotarci di una delle flotte più moderne e performanti dal punto di vista ambientale. Il nostro impegno a lungo termine ci permetterà di raggiungere già entro il 2024 una riduzione del 29% della Co2 per passeggero/chilometro, rispetto al 2008, per arrivare a una riduzione del 40% entro il 2030.

"Inoltre, la scorsa settimana abbiamo annunciato l’avvio del progetto PACBOAT, le celle a combustibile (fuel cells) alimentate a GNL, che saranno installate a bordo di MSC Europa - la prima delle cinque navi da crociera alimentate a GNL che si aggiungeranno alla nostra flotta. Una novità a livello mondiale per una tecnologia che assicura una maggiore efficienza nelle operazioni marittime ad elevate potenze e un ulteriore esempio del nostro fermo impegno per sostenere lo sviluppo delle tecnologie di nuova generazione. Un progetto che contribuirà in maniera sostanziale all’obiettivo di MSC Crociere e dell’intera industria di raggiungere le emissioni zero.

"Siamo consapevoli che la tecnologia ambientale marittima attuale, anche la più avanzata, da sola non sia sufficiente per raggiungere immediatamente l’abbattimento delle emissioni di carbonio. L'ulteriore impegno che assumiamo oggi prevede che a partire dal 1 ° gennaio 2020 la nostra flotta non fornisca alcun contributo negativo ai cambiamenti climatici. Siamo un'azienda con oltre 300 anni di tradizione marittima e da sempre rivolgiamo grande attenzione alle strategie a lungo termine, anche grazie alla struttura a conduzione familiare che ancora oggi caratterizza la nostra Compagnia. Per noi, questo rappresenta un ulteriore passo in avanti nel nostro costante impegno per la protezione degli oceani, delle destinazioni che visitiamo e delle comunità portuali con cui collaboriamo."

MSC Crociere bilancerà tutte le emissioni dirette di anidride carbonica (CO2) della propria flotta attraverso un insieme di progetti di compensazione delle emissioni di carbonio, sviluppato secondo i più alti standard delle principali organizzazioni internazionali, che si impegnano a contrastare nell’immediato le emissioni di gas serra. Tutti i costi delle compensazioni e di ogni altra voce associata saranno coperti direttamente e integralmente dall'azienda.

Vago ha aggiunto: "Lavoreremo con i principali e più quotati trader di carbon credits per compensare le emissioni di CO2. Vogliamo investire in progetti che forniscano benefici per la comunità, proteggano l’ambiente e supportino gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite."

In particolare, MSC Crociere intende sviluppare un portafoglio di compensazione delle emissioni di carbonio che incorpori anche progetti per la protezione e il ripristino degli habitat oceanici e costieri assorbendo allo stesso tempo sempre più CO2. Poiché i progetti Blue Carbon che riguardano gli habitat costieri sono attualmente insufficienti, MSC Crociere sosterrà lo sviluppo di quelli che saranno i primi carbon credits ad essere generati negli oceani, con l’obiettivo di proteggere e migliorare la biodiversità marina e sostenere le comunità che si affidano alle risorse del mare.

Vago ha concluso: "Le compensazioni derivanti dai Blue Credit saranno un tratto distintivo del nostro impegno per l’abbattimento delle emissioni. Metteremo a disposizione risorse e persone per supportare lo sviluppo di progetti e la loro certificazione con l’obiettivo di generare una forma innovativa di compensazioni a vantaggio degli oceani e delle comunità costiere. Man mano che nuovi Blue Credit saranno disponibili, continueremo a farvi ricorso nell’ambito del nostro impegno globale per raggiungere l’impatto zero delle nostre operazioni."


L'impegno di MSC Crociere include anche un focus specifico sull'efficienza energetica e altri aspetti delle sue operazioni a livello mondiale. In particolare, dal 2017 tutte le nuove navi di MSC Crociere sono dotate di impianti di alimentazione a terra, una caratteristica che consente alle navi da crociera di ridurre a zero le proprie emissioni in qualsiasi porto che supporti questa tecnologia. È evidente che si potrebbero ottenere benefici ancora superiori se anche l’energia da terra derivasse da fonti rinnovabili.

I dettagli dell'iniziativa sulla Carbon Neutrality di MSC Crociere sono stati rivelati oggi in occasione di un incontro con i media a bordo di MSC Grandiosa, la nuova ammiraglia di MSC Crociere e una delle navi più avanzate dal punto di vista ambientale. MSC Grandiosa è stata consegnata a MSC Crociere solo la scorsa settimana e, contestualmente, la Compagnia ha dato avvio alla costruzione di MSC Europa, la prima di cinque navi da crociera alimentate a gas naturale liquefatto (GNL) che entreranno in servizio tra il 2022 e il 2027.

MSC Grandiosa e MSC Europa rappresentano un ulteriore traguardo lungo il percorso che porterà MSC Crociere a ridurre al minimo l'impatto ambientale della flotta.