.                                           CUBA, A REVOLUTION AWAY

Se si guarda indietro nel tempo alla storia di Cuba, sembra proprio che l’isola fosse destinata a trovarsi nel cuore di vicende e tempi rivoluzionari.

 

E’ stata la prima isola su cui Cristoforo Colombo è sbarcato, ed il primo insediamento spagnolo dell’intero continente americano.

Nell’ultimo secolo, è stata casa di menti rivoluzionarie come Ernest Hemingway e Che Guevara, la sua musica domina le piste da ballo di tutto il mondo fin da quando è diventata popolare.

 

 

 

Quando arte, letteratura, architettura ed identità etniche si mescolano a Cuba, il risultato è sempre rivoluzionario. Ecco alcuni posti da non perdere, per immergersi nell’atmosfera ribelle dell’isola.


 Fortaleza di San Carlos de La Cabaña

 

 

Sorge sulla collina di La Cabaña ed è stato per lungo tempo il forte spagnolo più grande  mai costruito, ed anche il più costoso. Gli spagnoli iniziarono a costruire questo imponente forte, che domina l’entrata della baia di L’Avana, per contrastare i tentativi di occupazione britannica.

 

Durante il regime di Batista, La Cabaña era utilizzata come prigione militare, ed in seguito diventò il quartier generale del Comandante Che Guevara durante la rivoluzione. Oggi, il forte è sede di alcuni musei. Il più significativo è il Museo de Comandancia del Che, in cui è possibile visitare l’ufficio di Che Guevara, preservato così com’era durante la sua permanenza. Si possono ammirare inoltre  alcuni oggetti personali del Che. Durante il giorno, il forte offre la splendida vista della città e del mare. Da non perdere la Cerimonia del Cannone, con attori in vesti del XIX secolo impegnati ad esplodere colpi di cannone ogni sera alle 21.00.

 

Piazza della Rivoluzione

 

La Piazza della Rivoluzione è stata teatro di numerosi momenti cruciali della storia di Cuba. Milioni di cubani si riunivano qui per ascoltare i discorsi di Fidel Castro, e nel 1998, nel corso di una visita senza precedenti, Papa Giovanni Paolo II vi ha celebrato la Santa Messa.

 

Sulla piazza troneggia il Memoriale a José Martí, con una torre grigia alta 109 metri e la statua in marmo bianco dell’eroe nazionale cubano. E’ possibile visitare il piccolo museo o salire in ascensore per ammirare il panorama della città: l’enorme e famosissima effigie di Che Guevara che domina la vista è quella sulla facciata del palazzo del Ministero dell’Interno.

 

 

 

Museo della Rivoluzione

 

Collocato nell’ex palazzo presidenziale, il Museo della Rivoluzione vale una visita anche solo per la facciata esterna. Il vecchio palazzo presidenziale fu progettato dall’architetto belga Paul Belau, e fu costruito all’inizio del XX secolo con sontuosi richiami all’architettura neo-classica.

Tutta l’esposizione è dedicata alla lotta per l’indipendenza di Cuba, comprese le due  statue di cera a grandezza naturale di Che Guevara e Camilo Cienfuegos. All’interno del museo sono anche esposti: lo yacht Granma, che riportò Fidel Castro ed i suoi compagni a Cuba dal Messico e l’aereo abbattuto durante il fallito tentativo d’invasione  della Baia dei Porci.

 

 

Una rivoluzione cominciata con una sconfitta

 

Basta piantare uno spillo su una mappa di Oriente, la parte orientale dell’isola di Cuba, per trovare un luogo che sia collegato in qualche modo alla rivoluzione.

 

Un itinerario potrebbe partire dalla Caserma Moncada di Santiago, roccaforte dell’esercito di Batista che subì un attacco della guerriglia guidato da Castro nel 1953.

 

Il museo che ha sede in parte della vecchia caserma racconta la storia dell’attacco, che fu un fallimento militare ma un successo politico, poiché la brutale reazione di Batista generò un’ondata di sostegno per la causa rivoluzionaria.

 

Monumento a Che Guevara

 

Lasciati il meglio per ultimo, visitando il Monumento a Che Guevara, in Piazza della Rivoluzione.

 

In questo mausoleo riposano le sue spoglie, insieme a quelle di altri guerriglieri sudamericani, che ogni giorno vengono ricordati ed onorati dai visitatori.

 

Fabbrica di sigari Habanos

 

Quando si pensa a Che Guevara o ad Ernest Hemingway, è impossibile immaginarli senza un sigaro in bocca. In effetti, i sigari sono un orgoglio cubano apprezzato in tutto il mondo.

 

Non perderti la visita ad una fabbrica di sigari con una delle nostre escursioni. Assistere alla lavorazione del tabacco è davvero un’esperienza multisensoriale indimenticabile.

 

Finca Vigia

 

Questo è il luogo in cui tante fantasie e capolavori presero forma nella mente del grande narratore Ernest Hemingway. Dopo la morte dello scrittore, la casa è diventata un museo che custodisce i suoi averi più preziosi, come la  barca Pilar.

 

Scopri tutte le meraviglie di Cuba con le fantastiche crociere MSC su www.msccrociere.it