In crociera a Port Said

L’entrata del canale di Suez
Una spiaggia cittadina disseminata di conchiglie
Antichi edifici coloniali e vivaci bazaars

Scoprite le Crociere nel Mediterraneo

Port Said

Passeggiate all’insegna dello shopping

Fondato all’inizio dei lavori per costruire il canale di Suez, verso la fine del Diciannovesimo secolo Porto Said (Bur Said in arabo) era un porto importante, dove avevano sede tutti i principali uffici marittimi.

Ora è uno dei porti di attracco della vostra crociera MSC nel Mediterraneo. A sud del centro città, la zona attorno all’arsenale Basin è un bel quartiere dove osservare le case coloniali in stile europeo risalenti al XIX secolo che, anche se ormai consumate dal tempo, rimangono una vista molto istruttiva. Purtroppo, con il continuo rinnovamento degli edifici, potrebbero essere presto demolite. L’arteria principale del centro, Sharia al-Gumhorriya, riflette il cambiamento di Porto Said da semplice interporto doganale a centro di scambi commerciali, con facciate di lastre di vetro che sostituiscono un po’ alla volta i balconi di inizio XX secolo, man mano che la strada si spinge verso nord.

Durante la vostra crociera MSC nel Mediterraneo avrete la possibilità di visitare anche il bazaar di Porto Said, che spazia dalle bancarelle improvvisate di Salah al Din Street fino alle boutique raffinate di Sharia en-Nahda o dell’incrocio tra Sharia al-Gumhorriya e Sharia 23rd July. Un altro quartiere in cui sopravvivono vecchi edifici coloniali è poco più a est rispetto a Sharia al-Gumhorriya, su Memphis Street. Da notare in particolare il vecchio negozio della catena Woolworths. A nord del centro si trova la spiaggia di Porto Said, disseminata di conchiglie (lettini, ombrelloni e tende disponibili a noleggio) e costeggiata dalla lunga strada litoranea, da cui potrete ammirare le centinaia di navi all’ancora che attendono il loro turno per l’attraversamento del Canale.

All’estremità orientale della strada litoranea si trova un massiccio basamento in pietra arenaria che reggeva un’enorme statua di Ferdinando de Lesseps (fornì il supporto necessario per la costruzione del Canale di Suez) prima che fosse abbattuta in seguito alla rivoluzione del 1952.

Luoghi da vedere a Port Said

Scopri le nostre escursioni

    La tua selezione non ha prodotto alcun risultato. Per favore, cambia il filtro per trovare il modo migliore per scoprire la destinazione!

Egitto

All’ombra delle piramidi
All’ombra delle piramidi

Sono stati gli antichi greci e i romani a iniziare la moda di visitare il paese, per arrampicarsi sui ciclopici scalini delle Piramidi e dei colossi di Memnone.


Al tempo del colonialismo, Napoleone e i britannici saccheggiarono i tesori dell’Egitto per riempire i loro musei nazionali, iniziarono al paese una manciata di “grandi turisti” che in seguito divennero una folla di viaggiatori impegnati in crociere sul Nilo o letture di geroglifici organizzate dall’intraprendente Thomas Cook. Una crociera in Egitto oggi vanta non solo i monumenti della valle del Nilo e i suq, le moschee e le madrase del Cairo musulmano, ma anche fantastiche barriere coralline e pesci tropicali, dune, antiche fortezze, monasteri e arte preistorica rupestre. Il suo stesso territorio è uno scherzo della natura, la cui fonte di sostentamento è il Nilo.

Dal confine col Sudan fino alle spiagge del Mediterraneo, la valle del Nilo e il suo delta sono circondati da piane aride, tanto spoglie di genti come i primi affollati di persone. Questa netta dualità tra fertilità e desolazione è propria del carattere egiziano e ha modellato lo sviluppo del paese sin dai tempi preistorici, tracciando un filo rosso che unisce diverse culture e popolazioni nell’arco di settemila anni. Sebbene la gran parte dei visitatori venga in Egitto per i suoi monumenti, i ricordi più belli saranno legati alla sua gente e al suo modo di vivere.